Cos? se protegge il clima.

Un buon clima ripaga.

Sicurezza sul lavoro e difesa del clima – Ogni grado conta


Numerosi studi lo dimostrano: esiste una stretta relazione tra la frequenza degli infortuni sul lavoro e la temperatura ambiente. Il calore sul posto di lavoro porta dunque a un senso di disagio, minor rendimento e ad un maggior rischio d'infortuni. Perci? in estate, proprio i capannoni produttivi devono essere frequentemente climatizzati. Fatto che implica un'intensa energia, ed ? pertanto costoso – in particolare sullo scenario dei prezzi dell'elettricit? in costante crescita. E il bisogno di condizionamento salir? ancora in futuro. ? quel che risulta da uno studio del Comitato Intergovernativo sul Cambiamento Climatico (Intergovernmental Panel on Climate Change [IPCC]), autore anche del rapporto mondiale sul clima. Secondo l'IPCC, nel corso del XXI secolo i giorni di estremo impatto per il forte caldo aumenteranno considerevolmente: da due a cinque volte, in funzione dello scenario di calcolo. Una sfida particolare per le aziende che, comunque, producono gi? in condizioni di calore, come la nordform Max Storch, trasformatrice di materie termoplastiche.

Nel capannone di produzione alla nordform ci sono sempre oltre 26 gradi Celsius di calore. “? nella natura delle cose“, dice il responsabile di stabilimento Rainer Knobloch, “perch?, come dice gi? il nome, il calore ? necessario per lavorare materie termoplastiche.“ Se poi d'estate anche il sole compare sul tetto, la temperatura all'interno sale ancora di pi?. “Finora, in calde giornate estive abbiamo avuto temperature ambiente da 35 a 40 gradi Celsius. Il condizionamento con un impianto tradizionale di climatizzazione non avrebbe pagato. Un impianto di condizionamento cos? efficiente implica elevati costi d'approvvigionamento e avrebbe un consumo elettrico immenso“, spiega Knobloch. Investire in un impianto di condizionamento tradizionale gli sembrava inoltre non adeguato ai tempi, visti i crescenti prezzi dell'elettricit? e il dibattito sulla difesa del clima. 

Rainer Knobloch non voleva investire in una idea retrograda di climatizzazione. Ha dunque cercato una soluzione, che fosse sensata in termini di economia aziendale e contribuisse allo stesso tempo alla difesa del clima. “Come primo passo abbiamo sostituito i tradizionali lucernari a cupola di vetro acrilico del capannone di produzione con PLEXIGLAS HEATSTOP? a riflessione di calore. I pigmenti a riflessione infrarossa del materiale tengono tre volte pi? lontana la radiazione di calore rispetto al vetro acrilico tradizionale“, dice Knobloch. La sostituzione dei lucernari a cupola ha gi? dato effetto: “Nei giorni di sole intenso, la temperatura ambiente ? in tal modo di circa tre gradi inferiore. Ci? fa naturalmente piacere ai nostri collaboratori, perch? a temperature di lavoro comunque elevate, ogni grado in meno ? un sensibile sollievo.“ Effettivamente, nel caldo dei posti di lavoro ogni grado Celsius, di cui scende la temperatura ambiente, contribuisce a ridurre il rischio d'infortuni. Questa ? la situazione attuale della ricerca scientifica, quale ? documentata nel rapporto di ricerca “Clima sul posto di lavoro“ dell'Istituto Federale per la sicurezza sul lavoro e la medicina del lavoro.

La sostituzione dei lucernari a cupola ha comportato un minimo dispendio di lavoro e ha arrecato un altro vantaggio ancora ai dipendenti della nordform: “L'illuminazione dei locali ? ora sostanzialmente pi? gradevole, perch? PLEXIGLAS HEATSTOP? spande la luce diurna in modo molto pi? diffuso. Cos? non si hanno pi? ombre nette di disturbo“, riferisce Knobloch.
 
Come passo successivo, Knobloch ha in programma di applicare celle solari sul tetto del capannone di produzione. In tal modo si vuole catturare ancor pi? calore, irradiato dalla luce del sole, utilizzandolo per apportare energia. “Procederemo inoltre ancora a incanalare il calore residuo del processo di formatura. Con l'aria calda si faranno allora funzionare turbine, che producono elettricit?.“ La progettazione in dettaglio per l'esteso sistema di condizionamento ? pianificata per il 2009. Invece di accrescere il consumo elettrico per climatizzare i locali, secondo questa valutazione complessiva si abbasseranno durevolmente i costi. Ci? ha convinto anche Rainer Knobloch: “Noi come azienda approfittiamo del risparmio sui costi, i nostri dipendenti di un migliore clima sul lavoro e tutti noi insieme contribuiamo alla difesa del clima. La sostituzione dei lucernari a cupola ha gi? ottenuto un grande effetto con poco lavoro. Possiamo ora passare a progettare le prossime fasi.“
 

Calcolate quanta energia, emissioni di CO2 e costi potete risparmiare. avanti

La serie di video online presenta progetti rispettosi del clima con PLEXIGLAS?.
avanti

Con la giusta protezione contro il caldo nel caso della vetrata sul tetto non solo si risparmia energia ma migliorano anche le condizioni di lavoro. avanti